Chiudere il cantiere Rho-Monza, non solo a parole

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CONSILIARE PARTITO DEMOCRATICO

 

Paderno Dugnano – Dopo il vergognoso sfalcio delle piante sulla collinetta di via Battisti il gruppo consiliare del Partito Democratico ribadisce la propria indignazione verso il progetto di riqualificazione della Rho-Monza così come paventato da Serravalle. 
 
A fronte delle palesi violazioni della sicurezza e data l’assenza di un progetto depositato, dopo le forzature dell’impresa, presentatasi senza autorizzazioni, dopo le insistenze ad iniziare i lavori, dopo le inutili trattative, ci chiediamo come mai i cantieri non siano stati chiusi! 
 
Siamo perplessi e demoralizzati perfino dalle recenti esternazioni del sindaco Marco Alparone, che chiede a gran voce la chiusura del cantiere per l’impossibilità di realizzare il progetto entro Expo 2015. E’ vero: lo pseudo crono-programma presentato da Serravalle non si realizzerà di certo nei tempi annunciati, ma questa intransigenza del sindaco appare desolante e tardiva. Non essendosi mai fatto carico delle richieste dei cittadini e del Comitato Rho-Monza il suo attuale atteggiamento è vuoto e inefficace. 
 
Perchè non ha contestato a Serravalle le tante inadempienze sul progetto, la mancanza di autorizzazioni e l’assenza di sicurezza nel cantiere?
 
Perchè il sindaco Alparone non ha accolto la richiesta dell’opposizione di centrosinistra di indire un Consiglio comunale aperto sul progetto Rho-Monza?
 
L’assemblea pubblica sul tema, tenutasi lo scorso 24 luglio, è stata una farsa. I presentatori dell’opera in evidente imbarazzo nel presentare alla città un non-progetto, un primo cittadino silente di fronte alle richieste di sicurezza, legalità e difesa della salute, una cittadinanza delusa e arrabbiata che teme la devastazione di un’autostrada nel mezzo del centro abitato, vicino a scuole, caseggiati e giardini pubblici.
 
Il gruppo del Partito Democratico chiede al sindaco, in ottemperanza alle sue prerogative di garante della sicurezza e della salute dei cittadini, di decretare la chiusura del cantiere.
Il primo cittadino non deve chiedere la chiusura del cantiere Rho-Monza a parole, ma esigerla  con un’ordinanza.
 
Il gruppo del Partito Democratico ribadisce di essere al fianco dei cittadini e del Comitato pro-interramento nella difesa del territorio. Si impegnerà in tutte le sedi istituzionali affinché l’opera non venga realizzata così come progettata, ma solo con l’interramento. Il Partito Democratico sarà presente e invita la cittadinanza all’assemblea pubblica del 1 ottobre e alla manifestazione del 4 ottobre prossimi.
 
Antonella Caniato – capogruppo Pd
Daniela Caputo
Marco Coloretti
Efrem Maestri
Eugenio Marelli
Michela Scorta
Share Button

Primo consiglio con polemiche per la nuova era Alparone

da “Settegiorni”, ed. 27 giugno 2014, p. 54
settegiorni_27giugno

Share Button