Lo strano caso dell’OdG sulla COP21 “ucciso” a mezzanotte

COP21Dopo quasi tre settimane dall’ultimo Consiglio comunale non volevo trovarmi certamente a scrivere questo post che, premetto, peccherà un po’ di autoreferenzialità.

Quanto segue è dovuto dal fatto che ultimamente alcuni cittadini mi domandano – più o meno tutti i giorni dal 30 novembre ad oggi – se quanto si legge su giornali e blog corrisponda a realtà. Le domande sono più o meno le stesse: «è vero che avete respinto un Ordine del Giorno sui cambiamenti climatici?», «ma il tuo Partito non ha detto/fatto niente?».

Provo a precisare meglio, come ho già fatto con alcuni cittadini, quanto accaduto nella seduta consiliare del 30 novembre u.s., anche perché le due lettere magiche – PD – negli articoli pubblicati da alcuni blog padernesi, “stranamente” non compaiono (non c’è nulla di male, non ce l’ho con nessuno: i blog sono diari personali on-line ed essendo tali è normale un “briciolo di autoreferenzialità”).

Erano più o meno le 23.10 del 30 novembre 2015 quando il consigliere comunale di Insieme per Cambiare, Giovanni Giuranna, intervenne per illustrare l’Ordine del Giorno – d’ora in poi OdG – avente per oggetto COP 21: agire insieme contro i cambiamenti climatici.

L’OdG sembrava cadere a fagiolo, visto e considerato l’imminente Conferenza delle Parti degli Stati Membri della Convenzione Quadro sul Cambiamento Climatico – la “COP 21” – iniziata a Parigi proprio lo stesso giorno.

Paris-Climate-Change-Conference-2015-On-Energy

Gli impegni di questo OdG prevedevano:

  • il proseguimento nell’impegno per la tutela dell’ambiente e nel contrasto al consumo di suolo e alla cementificazione del territorio;
  • la piantumazione di mille alberi in tutte le aree disponibili del territorio comunale, con la partecipazione ed il concorso attivo dei cittadini;
  • dare risalto alla Giornata nazionale degli alberi (21 novembre) per sensibilizzare la cittadinanza alla cura e all’incremento del patrimonio arboreo.

In seguito prese parola il sottoscritto (sì, quel rompiscatole del PD che sta scrivendo questo articolo). Con l’intervento che potete vedere e sentire benissimo a questo link (andate al min. 26:26), rispondo automaticamente al quesito «ma il tuo Partito non ha detto/fatto niente?». (Altra breve parentesi: il Partito non è mio ma è di tutti i tesserati e simpatizzanti PD).

La posizione del PD era «convintamente favorevole», in quanto il senso dell’attenzione, da parte del PD a tutti i livelli, su questa materia è forte: a livello europeo i leader progressisti, con la federazione giovanile socialista europea, hanno sottoscritto una dichiarazione di 21 punti affinché alla Cop21 di Parigi si raggiunga un accordo vincolante e universale; in Parlamento dopo 20 anni è stata approvata la legge sui reati ambientali (non solo grazie all’on. Realacci del PD, ma anche agli on. Micillo del M5S e Pellegrino di SeL) e, recentemente è stata approvata una mozione – prima firmataria la responsabile nazionale ambiente PD, on. Chiara Braga – sulle iniziative di contrasto ai cambiamenti climatici.

E anche a Paderno Dugnano, alle Primarie delle Idee del 2014, una delle proposte era appunto piantare 4.000 alberi in più (proposta elaborata dall’ex segretario locale PD, Oscar Figus).

Dissi anche nel mio intervento che nel nostro piccolo dobbiamo cominciare a smontare l’idea fuorviante per cui la tutela dell’ambiente possa essere un freno allo sviluppo. Economia ed ecologia non sono parole antitetiche tra loro: hanno una radice comune, ôikos, che ci richiama appunto al concetto di «casa comune» ben espresso dal Santo Padre nella sua ultima enciclica Laudato si’ (enciclica citata da Giuranna nelle premesse dell’OdG).

Sugli impegni dell’OdG dichiarai, invece, che mi sarei aspettato qualcosa di più, ad esempio sulla mobilità sostenibile, oppure sull’economia circolare correlata ad un’implementazione della raccolta differenziata per tentare di arrivare a rifiuti Zero anche a Paderno Dugnano, anche se gli impegni messi in risalto da Giuranna sono un buon punto di partenza per raggiungere obiettivi ambientali comunali realmente determinanti.

Dopo di me, intervennero i consiglieri Ghioni (Paderno Dugnano Cresce) e Viviani (Lega Nord).

I due esponenti della maggioranza di centro-destra dissero sostanzialmente che piantare 1.000 alberi avrebbe gravato molto sul bilancio comunale, e si misero a “sparare” prezzi per le piante che manco alle aste milanesi di Sotheby’s a Palazzo Serbelloni (a questo proposito dalla regia mi segnalano di guardare il prezzo di listino del vivaio forestale di ERSAF – Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste della Lombardia – che si trova a Curno, ridente località bergamasca bagnata dal fiume Brembo).

Altro motivo di contrarietà secondo gli esponenti di centro-destra: non è opportuno aggiungere anche la Festa dell’Albero perché nello stesso periodo c’è già la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Ci sono già troppe ricorrenze.

Sì, sì, avete letto bene, han detto così.

Quindi alla domanda «è vero che avete respinto un Ordine del Giorno sui cambiamenti climatici?» si può benissimo rispondere «l’hanno respinto altri, mica noi del PD».

Vedendo l’andazzo – quindi bocciatura dell’OdG – ho suggerito al buon Giuranna di cambiare invita con impegna, almeno per portare a casa qualcosa. Ma nulla da fare. La votazione, parafrasando un po’ il romanzo di Mark Haddon Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, che inizia con il ritrovamento, da parte di Christopher (protagonista del racconto), del cane della signora Shears morto a mezzanotte e 7 minuti, (ovviamente in forma romanzata) è andata cosi:

Mezzanotte e 15 minuti. L’ordine del giorno sulla COP21 era disteso sul tappeto dell’aula consiliare del Comune di Paderno Dugnano di fronte ai banchi dei venti consiglieri presenti. Gli occhi erano chiusi (ovviamente non quelli dell’ODG ma quelli di alcuni consiglieri e dei pochi presenti tra il pubblico, vista l’ora). L’ODG era “morto”. Era stato trafitto con 14 voti contrari.

Ah, dimenticavo la chicca di questa storia: i due portavoce pentastellati, durante la discussione, ad un certo punto non sono stati più presenti in aula. Durante la votazione? M5S non pervenuto. Credo che se raccontassero loro questa vicenda potrebbero benissimo essere definiti “narratori eterodiegetici”.

Share Button

Rete comunale alimentare, di prossimità e di raccolta

imagesSi è svolto, ieri – 21 novembre 2013 – presso la sede del Consiglio di Quartiere di Palazzolo, l’incontro sul progetto “PRIMARIE DELLE IDEE“, organizzato da Gianni Rubagotti, cui hanno partecipato: l’Associazione “Centriamo il Futuro” che, tramite Davide Cattaneo ha parlato della proposta sulla partecipazione e sui Quartieri; Katia Scanavacca che ha proposto il Registro del Testamento Biologico; lo stesso Gianni Rubagotti che ha presentato la pratica della Tagesmütter (Mamma di giorno); Oscar Figus – Coordinatore PD Paderno Dugnano – che ha esposto il progetto “Almeno 4000 alberi” ed io.  Tutti gli interventi, ai quali ho espresso parere favorevole votando SÌ, sono stati secondo me molto interessanti. Alla fine della serata relatori e presenti, secondo quanto proposto da Gianni Rubagotti, hanno indicato la classifica delle priorità. Di seguito la traccia del mio intervento.

La crisi economica continua ancora oggi a colpire duramente le famiglie padernesi e, più in generale, le famiglie italiane e quelle di tutto il mondo. Chi perde il lavoro oggigiorno ha serie difficoltà nel ritrovarlo: una situazione che si ripercuote drammaticamente sulle famiglie e sui singoli, creando situazioni di fragilità diffuse e tensioni nel tessuto sociale.

Le parrocchie e le tante associazioni caritative padernesi tentano di far fronte alla crisi aiutando le famiglie bisognose, dalla costituzione del Fondo “Lo avete fatto a me” che ad oggi ha raccolto più di 120 mila euro, fino ad arrivare alla distribuzione dei viveri.

Chi governerà nel mandato 2014-2019 avrà l’onere di attuare scelte per contenere gli effetti di questa situazione di crisi e dovrà attrezzarsi per creare risposte utili, supportando le locali Onlus e giocando un ruolo coordinativo.

Una di queste risposte utili potrebbe essere la creazione di una “Rete comunale alimentare, di prossimità e di raccolta”. Passo alla mia proposta. Cosa intendo per “prossimità e di raccolta”?

Partiamo dalla parola “prossimità”.66972103

Il tema di Expo 2015 è “Feeding the Planet, Energy for Life – Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, tema che obbliga i governi di tutte le città a ripensare anche un nuovo modello di filiera alimentare, vale a dire a costruire nuovi strumenti per favorire il ciclo che attraverso la distribuzione passa dai produttori ai consumatori.

Negli ultimi vent’anni la prossimità commerciale, ovvero la vicinanza reale tra venditore e acquirente, è venuta meno a causa di due fattori: sviluppo urbanistico e politiche immobiliari. Così facendo la GDO ha sottratto spazio al dettagliante.

Per avere qualità e varietà, per risparmiare, per comodità, per socializzare e per ritrovare quei negozi di vicinato che, purtroppo, stanno scomparendo tante persone frequentano il mercato: secondo i dati F.I.V.A. – Federazione Venditori Ambulanti e su Aree Pubbliche – sono 25,5 milioni gli italiani che vanno al mercato, di cui il 78% donne.

Prossimità non significa solo risparmio di tempo e di fatica nell’acquisto ma investe anche la domanda di salute come qualità della produzione alimentare: 3 italiani su 4 hanno cambiato le abitudini di consumo a favore di prodotti del territorio, cibi locali freschi, che non devono percorrere grandi distanze e subire lunghi tempi di trasporto prima di giungere in tavola, diminuendo i passaggi intermedi dai produttori al consumatore con un risparmio anche in termini di impatto ambientale.

Nasce così negli ultimi anni il concetto di Km 0, ovvero di prodotto a filiera corta, e il fenomeno dei mercati degli agricoltori in città, il cibo a Km 0 (vedi Coldiretti).

Il consumo di prodotti agricoli locali provenienti dai dintorni rappresenta tuttavia ancora un fenomeno elitario di nicchia, basato su un’elevata disponibilità di tempo e sulla necessità di ritirare le merci dal produttore. Oggi, infatti, l’unica l’alternativa all’acquisto diretto in loco è costituita dai quasi 2 milioni di italiani che attraverso i gruppi di acquisto organizzano la spesa collettiva e il ritiro delle merci ordinate.

Come far arrivare ai Padernesi beni di qualità alimentari prodotti nei dintorni della Città, ad un prezzo buono con un sistema facile di consegna?

I diversi produttori agricoli che operano nei comuni limitrofi il nostro e/o che fanno parte del distretto agricolo dell’Olona (comuni attorno al parco delle Groane) che attualmente vendono in loco i loro prodotti, concentreranno la distribuzione:

  • ad un nuovo mercato ortofrutticolo del nord Milano (quindi bisogna crearlo);
  • al Distretto di Economia Solidale delle Groane e del nord Milano (che tuttora è un’associazione informale di Gruppi di Acquisto Solidali (GAS), Cooperative Sociali e di Produttori che operano sul territorio nord-ovest Milano, attorno al Parco delle Groane e del Rhodense. Il DES è un progetto culturale ed economico che mira a costituire una rete locale di soggetti che praticano, diffondono, promuovono e salvaguardano il consumo critico e solidale nonchè l’economia locale).

PROSSIMITÀ DELLA DISTRIBUZIONE: Al Mercato Ortofrutticolo o al DES i bancarellisti, oltre ai prodotti per la vendita ordinaria, si riforniranno di quella quantità di prodotti locali – controllati e identificati da un bollino di qualità e di prezzo certificati- già preordinata e pagata in anticipo dai milanesi. Il controllo qualità sarà effettuato in collaborazione con ASL.

Attraverso un call center del mercato ortofrutticolo o del DES, e un portale dedicato (patrocinato dal Comune di Paderno Dugnano e dei Comuni aderenti) si raccoglieranno le ordinazioni: i bancarellisti avranno così una quota di venduto assicurato dal sistema, senza perdite di tempo, di soldi e di spostamenti.

PROSSIMITÀ COI CONSUMATORI: Tutti i padernesi – e non solo, anche i cittadini dei comuni del nord ovest e del nord milano – che avranno aderito alla “Rete interComunale Alimentare” (tramite un’iscrizione) potranno accedere, risparmiando, a prodotti di qualità, ritirando il proprio ordine direttamente sulle bancarelle dei mercati di Dugnano e Palazzolo aderenti al servizio. I cittadini che desiderano ricevere a casa i prodotti avranno a disposizione un sistema di home delivery organizzato dagli esercenti ambulanti e garantito dal Comune nei casi di necessità (anziani, disabili, malati).

488px-ArcimboldovertemnusDecliniamo la parola raccolta

Prima vorrei darvi alcuni dati per meglio inserirvi nel tema che affronterò.

Dal 1987 la Commissione Europea, nell’ambito della Politica Agricola Comune, finanzia la distribuzione di prodotti alimentari destinati alla popolazione indigente situata sui territori nazionali dei cosiddetti Stati Membri. In Italia sette Organizzazioni caritative, (Croce Rossa Italiana, Caritas Italiana, Fondazione Banco Alimentare, Banco delle Opere di Carità, Associazione “Sempre Insieme per la Pace”, Comunità di Sant’Egidio, Associazione Banco Alimentare Roma) sono formalmente riconosciute ed iscritte al relativo Albo istituito presso AGEA – Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura.

L’Organismo pagatore e Coordinatore AGEA, oltre ad occuparsi di agricoltura, tramite le 7 organizzazioni caritative interviene rispondendo all’obiettivo di ridurre il livello di insicurezza alimentare, perseguendo un alto livello di sostentamento e di coesione sociale.

Coloro che non possono permettersi un’alimentazione adeguata, soprattutto a fronte dell’attuale crisi economica, e che sono attualmente assistiti dalle 7 organizzazioni caritative, dal 2010 al gennaio 2013 sono aumentati del 47,2%: dai 2.763.379 del 2010 siamo passati ai 4.068.250, quindi un aumento di oltre un milione di persone sul territorio nazionale.

I bambini di età inferiore ai 5 anni e gli ultra 65enni sono i soggetti più a rischio: 428.587 (0-5 anni); 578.583 (over 65), secondo i dati forniti dall’AGEA. Quasi il 40% dei bambini 0-5 anni indigenti è concentrato in due sole Regioni: Campania e Sicilia. In Lombardia sono pari a 37.867. La tendenza di crescita del bisogno sicuramente aumenterà anche nel 2014.

Cosa è stato fatto a Paderno Dugnano fino ad ora:

  • distribuzione viveri famiglie bisognose e colletta alimentare;
  • osservatorio sullo spreco alimentare a Paderno Dugnano (gruppo Facebook creato da Gianni Rubagotti, che prese contatti anche con il presidente della delegazione padernese della Confcommercio, Pierino Favrin, sullo spreco alimentare del pane invenduto)
  • contributo liberale da parte dell’Amministrazione Comunale al Banco alimentare. A partire da giugno 2012 convenzione tra Comune e Banco Alimentare finalizzata a interventi di sostegno alle famiglie bisognose del territorio e alla promozione di una cultura della solidarietà attraverso il recupero e la ridistribuzione gratuita agli indigenti delle eccedenze alimentari.

La convenzione si protrarrà fino al 2013: e dopo?

Guardando il bilancio sociale del Banco Alimentare ho voluto vedere da dove arriva la maggior parte degli alimenti recuperati: AGEA (con gli aiuti alimentari UE); Consorzi Ortofrutticoli; Industrie Agroalimentari; GDO (Grande Distribuzione Organizzata); Ristorazione Organizzata; Centri Distribuzione Alimentare.

Poche sono le Pubbliche Amministrazioni, gli Enti Locali e i negozi di vicinato che fanno pervenire le merci invendute perfettamente conservate ma vicine alla scadenza.

Perché non coinvolgerli ampliando la suddetta iniziativa – o facendone una nuova/parallela – chiedendo loro di donare le merci invendute?

Basterebbe che l’Amministrazione Comunale, di concerto con le Associazioni di Categoria, acquistasse un furgoncino per ritirare la merce e donarla:

  • o direttamente alle famiglie bisognose del territorio;
  • o direttamente alla Rete del Banco Alimentare.

Arcimboldo-anteprima-400x598-255661CONCLUSIONI: ho fatto questa proposta, che a me sembra semplice ma in realtà è un po’ complessa, perché tra meno di due anni ci sarà EXPO 2015. Tema di Expo 2015 non è costruire opere faraoniche ma aprire le porte ai 132 paesi e alle 5 organizzazioni partecipanti (Fao, Comm. Europea, Onu, Cern, SMOM) per porre il tema della nutrizione al centro dell’attenzione internazionale.

Spero vi sia piaciuta la mia proposta. Grazie.

Video dell’Intervento – Rete comunale alimentare, di prossimità e raccolta

Share Button

I nostri ragazzi non sono bestiame

Protesta-Studenti-Cassina-Amata-22-ott-2012-lr

Paderno Dugnano, 22 ottobre 2012

Stamattina i nostri ragazzi, studenti diretti a Bollate, sono scesi alla fermata di Cassina Amata dal pullman che avrebbe dovuto portarli al loro istituto per protesta contro le condizioni inaccettabili con cui vengono stipati ad ogni trasbordo.

La protesta non è nuova, è già successo a Senago la scorsa settimana ma già negli anni scorsi si erano levate proteste contro le condizioni con cui viaggiano i nostri studenti, in spregio anche alle più elementari condizioni di sicurezza, oltre che di dignità.

Siamo solidali con la mobilitazione dei nostri giovani e chiediamo che venga fatta, in primis dalle amministrazioni locali coinvolte, una verifica seria delle condizioni con cui vengono erogati i servizi di trasporto da e per le scuole.

Chiediamo inoltre che vengano presi immediatamente tutti gli opportuni provvedimenti del caso per permettere ai nostri figli di viaggiare con serenità, dignità e sicurezza.

I nostri ragazzi non sono bestiame.

Oscar Figus
Coordinatore cittadino
Partito Democratico
Paderno Dugnano

Efrem Maestri
Consigliere di Quartiere
Cassina Amata

Share Button