Chiudere il cantiere Rho-Monza, non solo a parole

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CONSILIARE PARTITO DEMOCRATICO

 

Paderno Dugnano – Dopo il vergognoso sfalcio delle piante sulla collinetta di via Battisti il gruppo consiliare del Partito Democratico ribadisce la propria indignazione verso il progetto di riqualificazione della Rho-Monza così come paventato da Serravalle. 
 
A fronte delle palesi violazioni della sicurezza e data l’assenza di un progetto depositato, dopo le forzature dell’impresa, presentatasi senza autorizzazioni, dopo le insistenze ad iniziare i lavori, dopo le inutili trattative, ci chiediamo come mai i cantieri non siano stati chiusi! 
 
Siamo perplessi e demoralizzati perfino dalle recenti esternazioni del sindaco Marco Alparone, che chiede a gran voce la chiusura del cantiere per l’impossibilità di realizzare il progetto entro Expo 2015. E’ vero: lo pseudo crono-programma presentato da Serravalle non si realizzerà di certo nei tempi annunciati, ma questa intransigenza del sindaco appare desolante e tardiva. Non essendosi mai fatto carico delle richieste dei cittadini e del Comitato Rho-Monza il suo attuale atteggiamento è vuoto e inefficace. 
 
Perchè non ha contestato a Serravalle le tante inadempienze sul progetto, la mancanza di autorizzazioni e l’assenza di sicurezza nel cantiere?
 
Perchè il sindaco Alparone non ha accolto la richiesta dell’opposizione di centrosinistra di indire un Consiglio comunale aperto sul progetto Rho-Monza?
 
L’assemblea pubblica sul tema, tenutasi lo scorso 24 luglio, è stata una farsa. I presentatori dell’opera in evidente imbarazzo nel presentare alla città un non-progetto, un primo cittadino silente di fronte alle richieste di sicurezza, legalità e difesa della salute, una cittadinanza delusa e arrabbiata che teme la devastazione di un’autostrada nel mezzo del centro abitato, vicino a scuole, caseggiati e giardini pubblici.
 
Il gruppo del Partito Democratico chiede al sindaco, in ottemperanza alle sue prerogative di garante della sicurezza e della salute dei cittadini, di decretare la chiusura del cantiere.
Il primo cittadino non deve chiedere la chiusura del cantiere Rho-Monza a parole, ma esigerla  con un’ordinanza.
 
Il gruppo del Partito Democratico ribadisce di essere al fianco dei cittadini e del Comitato pro-interramento nella difesa del territorio. Si impegnerà in tutte le sedi istituzionali affinché l’opera non venga realizzata così come progettata, ma solo con l’interramento. Il Partito Democratico sarà presente e invita la cittadinanza all’assemblea pubblica del 1 ottobre e alla manifestazione del 4 ottobre prossimi.
 
Antonella Caniato – capogruppo Pd
Daniela Caputo
Marco Coloretti
Efrem Maestri
Eugenio Marelli
Michela Scorta
Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.